18 Maggio 2022

Dibattito proposto dai Comitati che difendono la linea ferroviaria Cuneo-Ventimiglia-Nizza e che ne chiedono il rilancio

Correlati

Condividi

Mercoledì 6 ottobre, alle 21, nel Salone al primo piano dell’Associazione Tomasini, in via Bersezio, 2, a Cuneo, il Comitato Ferrovie Locali Cuneo, il Comitato Amici della Ferrovia Cuneo-Ventimiglia-Nizza e il Comitato Transfrontalieri Vermenagna-Roya organizzano un dibattito per chiedere un aumento della corse e un concreto rilancio della linea Cuneo-Ventimiglia-Nizza.

Una suggestiva immagine della Cuneo-Ventimiglia-Nizza

Dopo l’introduzione di Luigi Danzi del Comitato Ferrovie Locali di Cuneo, l’approfondimento del tema è curato dall’ing. Marco Galfrè.

Dicono gli organizzatori: “In occasione del 42º anniversario della riapertura della ferrovia Cuneo-Ventimiglia-Nizza, i Comitati che difendono la linea illustrano la petizione presentata alla Regione Piemonte nello scorso mese di giugno che, in soli 15 giorni, ha incassato oltre mille firme”.

Di che cosa parlava? “C’era la proposta, dettagliata e verificata a livello tecnico, per passare dalle attuali 2 a 6 corse tra Cuneo e Breil”.

La serata ha in programma altro? “Viene analizzato il tema delle navette che consentano il trasbordo delle auto fra Tenda e Limone. Inoltre, è anche l’occasione per commentare i lavori della Conferenza Intergovernativa Italia-Francia del 30 settembre. Si è trattato di un altro, ennesimo incontro che, a oggi, non ha, ancora e mai, risolto il problema della Convenzione tra i due Paesi per la gestione della linea. A parole sembra che sia tutto pronto e che ci sia la volontà politica. Poi, si rimanda sempre tutto alla successiva Conferenza”.

In conclusione? “Una domanda. Tra mancate opportunità, timide speranze e possibile Patrimonio Unesco, dopo 42 anni dalla riapertura e a un anno dalla tempesta Alex che ha devastato Limone e la Valle Roya, rendendo inagibile il tratto da Breil a Ventimiglia, a quando una politica efficace per questa linea europea?”.  

Per partecipare all’incontro bisogna avere il green pass e indossare la mascherina.  

Dei problemi mai risolti della Cuneo-Nizza ferroviaria si parla ormai da anni.

Si può finalmente fare qualcosa?