15 Agosto 2022

Chiusa di Pesio ha ospitato la prima Camminata per l’Autismo. Le altre due sono previste a Demonte e Roccasparvera (FOTO)

Correlati

Condividi

A Chiusa di Pesio, il Polo Autismo del Consorzio Socio Assistenziale del Cuneese e dell’Asl Cn1 Distretto Sud-Ovest, in collaborazione con il Comune, hanno organizzato la prima Camminata per l’Autismo.

L’iniziativa fa parte delle tre passeggiate in cantiere nell’ambito del progetto Sara (Sperimentazione azioni in rete per l’autismo) realizzato dal Polo insieme alle Cooperative Proposta 80 e Momo, con il supporto delle Fondazioni Crt e Crc.

Obiettivo? Si legge nella presentazione: “Unisciti anche tu con la tua famiglia e i tuoi amici per quattro passi insieme alla scoperta inclusiva dei meravigliosi percorsi naturalisti proposti nelle nostre Valli”.

L’iniziativa a Chiusa di Pesio

A Chiusa di Pesio il percorso, illustrato dal volontario Diego Gaggero, ha toccate tre tappe: Castello di Mombrisone, la “panchina gigante” e Roccarina.

Hanno partecipato alcune famiglie, con componenti interessati dal disturbo del neuro-sviluppo, che sono state accompagnate nell’itinerario dagli staff del Polo e del progetto Sara, dal sindaco, Claudio Baudino, e dagli assessori comunali.

Alla Roccarina di Chiusa di Pesio

Prima e durante la passeggiata si è parlato di autismo, delle potenzialità espresse dalle persone che vivono il disturbo e delle piccole strategie da mettere in campo per  sostenerle e valorizzarle.

Hanno sottolineato il dottor Paolo Briatore, coordinatore del nucleo autismo dell’Asl Cn1-Dipartimento Salute Mentale, e il dottor Pietro Piumetti, referente del Polo Autismo del Consorzio Socio Assistenziale del Cuneese: “Molti ragazzi con i disturbi dello spettro autistico hanno caratteristiche positive: in particolare la lealtà, l’ordine, la capacità di ascolto, la capacità di seguire le regole, la puntualità, l’attenzione per i dettagli, il desiderio di aiutare gli altri. Alcuni hanno anche una spiccata abilità nel calcolo e nella memoria”.

Cosa bisogna fare per dare loro una mano? “E’ importante aiutarli a entrare in relazione con gli altri e accogliere quello che hanno da offrire. Bisogna creare un ambiente sereno, riducendo luci e rumori forti in quanto molti di loro sono ipersensibili. Inoltre, è utile usare un linguaggio semplice e calmo e non essere troppo intrusivi. Aiutandoli così a vivere al meglio le situazioni sociali in cui vengono coinvolti”.

Al termine della passeggiata l’Amministrazione comunale di Chiusa di Pesio ha offerto un piccolo rinfresco e la maglietta ricordo a tutti i partecipanti.           

I prossimi appuntamenti

I prossimi appuntamenti con le passeggiate sono in cantiere sabato 23 ottobre a Demonte (ritrovo alle 15, alla chiesetta di San Rocco in piazza Spada) e sabato 30 ottobre a Roccasparvera (ritrovo alle 15, in via dei Bolleris nella piazza Castello).

L’organizzazione viene effettuata insieme ai due Comuni che, al termine dell’iniziativa, come a Chiusa di Pesio, offrono un piccolo rinfresco. Per le adesioni, gratuite,  si può contattare Cinzia al 338 2338591 (dalle 18 alle 20).