26 Giugno 2022

Gli accompagnatori cicloturistici del Piemonte trovano una risposta positiva ai loro problemi da parte dei vertici della Regione (FOTO)

Correlati

Condividi

Si può fare qualcosa? A volte sì.

Il Consorzio Turistico Conitours-Club di Prodotto Cuneo Alps Bike Experience ha organizzato, al Palazzo della Regione in piazza Castello, a Torino, l’incontro di una delegazione di accompagnatori cicloturistici e guide ambientali escursionistiche del Piemonte con l’assessore e il direttore regionale al Turismo, Vittoria Poggio e Paola Casagrande, il consigliere regionale e presidente della Commissione Cultura e Sport, Paolo Bongioanni, e il presidente di Visit Piemonte e di Conitours, Beppe Carlevaris.

La delegazione di accompagnatori cicloturistici e guide ambientali escursionistiche con le autorità regionali

Ha detto il portavoce della delegazione, Erik Rolando: “Portiamo all’attenzione delle Istituzioni le problematiche vissute da molti operatori professionali del turismo che, già pesantemente colpiti dalla pandemia, sono ulteriormente penalizzati dal fenomeno dell’abusivismo diffuso e da una legislazione nazionale non adeguata alle richieste del mercato del settore”.

Ha risposto l’assessore Poggio: “Sono molto sensibile alle vostre questioni e condivido pienamente quanto mi avete esposto. Mi adopererò con il ministro Garavaglia affinché si possa giungere a un riordino generale delle professioni turistiche, in cui le figure già da tempo riconosciute dalla Regione Piemonte, attraverso la Legge 33/01, siano inserite nella Legge nazionale”.

Al termine del ritrovo, il presidente della Regione, Alberto Cirio, scusandosi di non poter essere stato presente a causa di altri impegni istituzionali, ha portato, in collegamento video, il suo saluto e il suo appoggio all’iniziativa.

Gli organizzatori dell’incontro: “Ringraziamo l’assessore Poggio e il presidente Carlevaris per l’attenzione e la competenza dimostrate. Siamo pienamente soddisfatti dell’incontro e certi di un’azione a livello politico che ne garantirà la corretta valorizzazione e tutela”.

L’assessore Poggio con tre guide cicloturistiche