26 Giugno 2022

Rossi, presidente di Basse Sant’Anna e Borgo Nuovo a Cuneo: “Dal Comune abbiamo avuto quasi nulla” (FOTO)

Correlati

Condividi

Ancora il presidente del Comitato delle due zone vicine al Parco Fluviale lato Stura: “Speriamo in una nuova Amministrazione, che dia maggior ascolto ai quartieri ed alle loro reali necessità”  

Nella sera della scorsa domenica alcuni vandali hanno tagliato le gomme di una ventina di auto e furgoni in sosta lungo via Basse di Sant’Anna a Cuneo: la strada che dalla rotonda di fronte a piazza Foro Boario porta al ponte pedonale Vassallo e al Polo canoistico. Sull’episodio stanno indagando i Carabinieri. I danneggiati e i residenti della zona hanno avuto la solidarietà di tanti cuneesi e anche della parlamentare del Pd, Chiara Gribaudo.

La strada di accesso al quartiere Basse di Sant’Anna dalla rotonda di fronte a piazza Foro Boario

Ora sull’accaduto interviene Valter Rossi, presidente del Comitato di Quartiere di Basse Sant’Anna e Borgo Nuovo: quest’ultima area situata verso il Parco Fluviale di fronte a discesa Bellavista. Nelle due zone vivono oltre 300 persone.

La strada di accesso al quartiere Borgo Nuovo da discesa Bellavista
Il quartiere di Borgo Nuovo visto dal Viadotto Soleri

Dice Rossi: “Purtroppo, ancora una volta, il quartiere Basse Sant’Anna è stato oggetto di un grave episodio di vandalismo che ha avuto un’ampia risonanza. Si aggiunge ad altri episodi recenti e non edificanti per il quartiere, sui quali si è concentrata l’attenzione degli organi di stampa e non solo. Come l’imbrattamento, con scritte oltraggiose, della scaletta pedonale che collega Lungostura XXIV Maggio a via Basse di Sant’Anna”.

In alto le scritte cancellate e in basso quelle esistenti ora lungo la scalinata che collega Lungostura XXIV Maggio e via Basse di Sant’Anna

Ma non solo. “Infatti siamo ricordati, anche, e soprattutto, per lo sgombero di un gruppo di migranti che, durante la bella stagione, e ormai da due estati a questa parte, bivaccano sotto il ponte Vassallo. In particolare, proprio quest’ultima situazione ha sollevato parecchie critiche da parte di gruppi che, almeno ufficialmente, si occupano di “sociale”. 

Uno dei migranti che bivaccavano sotto il ponte Vassallo

Però, non è ciò che vorreste. “Ci piacerebbe essere citati per il quartiere che dà accesso al Parco Fluviale lato Stura, per il quartiere che, dopo decenni di abbandono, viene scelto dalle famiglie per venirci a vivere grazie al fatto che ben coniuga la vicinanza al centro città con la vita nel verde e per tante altre belle caratteristiche”. 

Il cuore del quartiere di Basse Sant’Anna con la chiesetta dedicata a Sant’Anna
Il ponte Vassallo e l’ingresso al Parco Fluviale lato Stura
A Basse di Sant’Anna si stanno costruendo immobili residenziali e sono diverse le famiglie che hanno scelto di viverci

Cosa servirebbe per ottenere questo? “Occorrerebbe avere un’Amministrazione comunale che valorizzi la zona e non si riempia solo la bocca di Parco Parri, di ex Caserma Cantore, di ex Frigorifero militare, di parcheggio sotterraneo in piazza Europa. Dando priorità alle esigenze quotidiane dei cittadini. Nella stragrande maggioranza si tratterebbe di semplici richieste attuabili con una minima spesa”. 

Il marciapede invaso dall’erbaccia lungo via Basse di Sant’Anna
La tanta erbaccia lungo il marciapiede di via Basse di Sant’Anna costringe i pedoni a camminare sulla carreggiata stradale

Cosa vi attendete da questa Giunta? “Dalla Giunta Borgna, in scadenza, non ci aspettiamo più nulla, perché quasi nulla abbiamo avuto. Speriamo in una nuova Amministrazione che dia maggior ascolto ai quartieri ed alle loro reali necessità”. 

Si può ancora fare qualcosa?

Il presidente dei quartieri Basse Sant’Anna e Borgo Nuovo, Valter Rossi