26 Giugno 2022

Cuneo: l’architetto Bodino appoggia, con una lista civica laico-progressista, la Toselli candidata sindaco

Correlati

Condividi

Lunedì 8 novembre (clicca qui) abbiamo pubblicato la notizia che Luciana Toselli è ufficialmente la candidata sindaco del gruppo di Cuneo per i Beni Comuni alle elezioni amministrative del 2022. Gruppo ora presente nell’Assemblea municipale, tra i banchi dell’opposizione, con la stessa consigliera Toselli, Ugo Sturlese e Nello Fierro.

Nell’articolo venivano riportate alcune riflessioni degli esponenti della lista in cui si dichiaravano alternativi rispetto all’attuale maggioranza in Consiglio comunale: e quindi anche al Partito Democratico con il quale, almeno per un breve periodo, veniva invece dato come possibile il confronto e il dialogo.

Troppo distanti le posizioni su temi come l’Ospedale unico di Cuneo, l’assetto urbanistico e la mobilità sostenibile.

Invece i rappresentanti dei Beni Comuni hanno l’obiettivo “di formare una grande “Alleanza per la giustizia ambientale e per la cura” che possa raccogliere l’adesione delle formazioni civiche e il cui impegno sia rivolto alla realizzazione di una città fondata sulle comunità solidali. A partire dalle piazze, dalle case di quartiere, dai poli sportivi, dalle scuole nel concentrico e nelle frazioni”.

Bodino: “Andremo al ballottaggio contro quel che resterà dell’attuale maggioranza”

Nello stesso articolo però, ponevamo una domanda: i Beni Comuni troveranno lungo il percorso qualche altro gruppo disponibile a condividere la loro idea di città?

La sollecitazione ha avuto subito la risposta positiva dell’architetto Angelo Bodino, in passato già consigliere comunale e abile costruttore di alleanze.

Dice Bodino: “Considerato che, in questi cinque anni, ho condiviso le posizioni di Toselli, Sturlese e Fierro, soprattutto per quanto riguarda piazza della Costituzione, che è ancora di proprietà privata, del parcheggio sotto piazza Europa, che questa maggioranza vuole imporre, della ex Caserma Montezemolo con circa 10.000 metri quadrati di bosco, che dovrebbe sparire per far posto ad una piattaforma-eventi, mi aggregherò a loro con una lista civica laico-progressista per un’alleanza sociale e ambientale”.

Piazza Europa sotto la quale l’attuale maggioranza alla guida della città intende costruire un parcheggio di due piani

Quali i motivi, in particolare, per cui ha deciso di intraprendere questo percorso? “Cuneo per i Beni Comuni” rappresenta una lista civica che difende l’ambiente con un “Regolamento dei Beni Comuni” che non ha colore, perché i Beni Comuni sono un patrimonio di tutti. Poi, la candidatura della Toselli, fino al 2014 dirigente medico dell’Ospedale Santa Croce e Carle, è di grande rilevanza specialmente dopo l’emergenza Covid. Infine, il problema più importante da affrontare, e sul quale siamo d’accordo, è quello di non spostare l’Ospedale unico a Confreria, ma di ristrutturare e ampliare l’esistente struttura di via Coppino sull’Altipiano. Usufruendo, da subito, dei 32,5 milioni di euro già stanziati dal ministero della Salute per gli interventi antisismici e antincendio”.

L’ingresso da via Coppino alla struttura ospedaliera del Santa Croce

Quindi, la dottoressa Toselli è la candidata sindaco ideale per lei e la sua lista? “Di sicuro. E non solo per la sua competenza in campo sanitario, ma anche per tutto il lavoro svolto in Consiglio comunale con i colleghi Sturlese e Fierro”.  

A questo punto, possiamo dire che il buongiorno si vede dal mattino? “Certamente sì, se la Toselli sarà la prima donna sindaco nella storia amministrativa di Cuneo. E questo avverrà in quanto con lei andremo al ballottaggio contro quel che resterà dell’attuale maggioranza con l’augurio, prima o poi, che chi ora governa la città voglia farci conoscere il candidato o la candidata primo cittadino. E, dopo, “Se son rose fioriranno” perché, come ha detto Carlin Petrini “Cambiare è possibile e si cambia con gioia, non con il magone”.